venerdì 26 dicembre 2014

Buon S. Stefano


Il 26 dicembre si festeggia S.Stefano.
Quali sono le usanze, le tradizioni, legate al giorno di Santo Stefano?

Per chi trascorre lo trascorre a casa, il pranzo di Santo Stefano è, da sempre, rappresentato dagli avanzi del giorno prima.
I cibi rimasti dal cenone della vigilia e dal pranzo del Natale si trasformano in un banchetto a base di affettati, salmone affumicato, funghi sott’olio, patè dai più svariati gusti…
L’alternativa, specie per chi ha cucinato nei giorni precedenti, è di prenotare in un bel ristorantino di cucina tipica regionale trascorrendo una giornata all’insegna del relax.
Chi, invece ha una seconda casa, talvolta e specialmente al Sud, ha l’usanza di fare un'escursion.
Non manca mai, nei giorni di festa e soprattutto a Santo Stefano, la tombolata con l’immancabile panettone a centrotavola.

giovedì 18 dicembre 2014

Il pandoro



Il pandoro è uno dei dolci tipici italiani. E’ nato a Verona. La pasta è soffice e profuma di vaniglia. Anche se la sua nascita risale al 1800, nel 1894 Domenico Melegatti, proprietario dell’omonima azienda, brevetta un dolce a forma a tronco di cono con l’idea di una stella. Il disegno è di un pittore impressionista, Angelo Dall’Oca Bianca.
Viene di solito venduto con lo zucchero a velo che va cosparso sopra al pandoro.

mercoledì 17 dicembre 2014

BIANCO NATALE




Tu,neve, scendi ancor, lenta
per dare gioia ad ogni cuor.
E’ Natale spunta la pace santa;
l’amor che sa conquistar.
Tu, vigile cader, neve
il cielo devi ringraziar.
Alza gli occhi, guarda lassù!
E’ Natale, non si soffre più.
E’ Natale spunta la pace santa;
l’amor che sa conquistar.
Tu, vigile cader, neve
il cielo devi ringraziar.
Alza gli occhi, guarda lassù!
E’ Natale, non si soffre più.





SCENDERE-CADERE- FALLEN
SPUNTARE-AUFGEHEN
CONQUISTARE-EROBERN
VIGILE-AUFMERKSAM
SOFFRIRE- LEIDEN

giovedì 6 novembre 2014

ITALY IN A DAY - Un giorno da italiani

Italy in a Day è un entusiasmante esperimento di cinema collettivo.
Un film documentario per raccontare un giorno nella vita degli Italiani,chiede a tutti gli italiani di prenderne parte in modo attivo. Come? Sabato 26 ottobre prendi una telecamera, un cellulare e filma la tua vita. Sei libero. Racconta chi sei, cosa ami, di cosa hai paura o qualsiasi cosa sia per te importante, e carica il tuo video su questo sito. Gabriele Salvatores farà una selezione dei filmati ricevuti e li monterà in un grande unico film: la fotografia dell'Italia fatta dallo sguardo degli italiani.


Per maggiori informazioni: http://www.italyinaday.rai.it

martedì 7 ottobre 2014

VERBI RIFLESSIVI al passato

Coniuga al passato prossimo i verbi riflessivi tra parentesi.

1) Maria Rosa (addormentarsi) tardi.
2) Laura e Franco (incontrarsi) in crociera sul Danubio.
3) Sei molto vanitoso: (guardarsi) oggi allo specchio mille volte.
4) Luciana e Valeria (perdersi) in montagna.
5) Giovanni (dirigersi) verso Como.
6) Noi non (vedersi) per mesi.
7) Ma voi non (rendersi) mai conto della situazione?
8) I miei figli non (svegliarsi) : vado a chiamarli.
9) Michela (iscriversi) a un corso di cucina.
10) I turisti (munirsi) di cibo e bevande.

sabato 4 ottobre 2014

martedì 9 settembre 2014

RICOMINCIANO I CORSI!!

Giovedì 11 settembre.
Erfurt A1.3
Weimar B1

Lunedì 15 settembre
Weimar A1.3
Weimar A2.3

Martedì 16 settembre
Jena A1.2
jena A2.1

Mercoledì 17 settembre
Jena A2
Jena B1


lunedì 1 settembre 2014

FESTA DEL CINEMA DI VENEZIA


 È l’agosto del 1932: in occasione della Biennale a Venezia si inaugura l’Esposizione internazionale d’arte cinematografica.Si tratta in assoluto del primo festival di cinema al mondo. La prima edizione, che non prevede assegnazione di premi, si svolge in un’atmosfera “casalinga e alberghiera” (Di Giammatteo). Solo a partire dal 1938, su stimolo di Francesco Pasinetti, si cominceranno ad organizzare rassegne retrospettive.

Nello statuto si legge: dalle sue manifestazioni si esclude qualsiasi ingerenza di carattere politico. Nel clima del fascismo degli anni ‘30 sarà ovviamente difficile rispettare un intento del genere. Il Palazzo del Cinema al Lido, che a lungo ospiterà la manifestazione, viene costruito nel 1937 per diretto intervento delle alte gerarchie del regime, interessate a controllare e a gestire al meglio un evento che si prospetta come un veicolo eccezionale di propaganda.
Con l’entrata dell’Italia in guerra a fianco della Germania, a partire dal 1940, la Mostra assume la denominazione di “Manifestazione italo-tedesca” e negli anni 1941, 1942 quella di “Manifestazione internazionale d’arte cinematografica” che rimarrà tale anche nel 1946.
 L’anno successivo, finalmente, la kermesse veneziana verrà ribattezzata “Mostra internazionale d’arte cinematografica”. Il famoso Leone di San Marco fa la sua apparizione nel 1949, divenendo Leone d’oro nel ‘50. Fino agli anni Sessanta – prima della definitiva affermazione di Cannes come più importante festival europeo di cinema – l’importanza e l’indiscutibile prestigio del festival veneziano sono testimoniati dalla presenza nel corso delle varie edizioni del meglio della produzione cinematografica internazionale.

Tratto e riadattato da Repubblica

giovedì 21 agosto 2014

AGGETTIVI POSSESSIVI

 Inserisci gli aggettivi possessivi. Attenzione agli ARTICOLI!

1. Stasera Arturo esce con amici.
2. Elena ha perso passaporto.
3. Domenica andiamo a Volterra, verranno anche Mario e Laura con figli.
4. Arturo ha invitato a pranzo socio con moglie.
5. Avete messo in ordine camera?
6. Prima di partire Elena ha salutato tutti amici.
7. Mario e Laura dicono che casa è troppo grande.
8. Non abbiamo preso l'ombrello, adesso scarpe e vestiti sono tutti bagnati.
9. Signor Neri, ha trovato occhiali?
10. Se vieni a trovarmi, ti presento fratello e sorella maggiore.
11. Signora, sono felice di fare conoscenza.
12. amici di Milano mi hanno invitato per il fine settimana e io ho accettato con piacere invito.
13. Arturo, a che ora torna da scuola sorella?
14. Paola è stanca, è andata a casa .
15. Signorina, può darmi il numero cellulare?
16. "Che ore sono?" "Non lo so, orologio è fermo".
17. Giorgio, come sta padre? E sorelle?
18. Elena aspetta una telefonata figlia.
19. Sabato pomeriggio abbiamo messo in ordine appartamento.
20. Ho regalato a Luigi un disco per compleanno.

martedì 19 agosto 2014

CONGIUNTIVO O INDICATIVO?

CONGIUNTIVO

Completare con il congiuntivo se è necessario.
1. Spero che la prova (andare) bene domani.
2. È certo che la storia dell'anno scorso (essere) falsa.
3. Immagino che la storia (essere) falsa.
4. Dubito che l'esame (essere) difficile.
5. Voglio che il signore (dire) la verità.
6. Voglio che tu (dire) la verità.
7. È ovvio che Anna non (dire) la verità lunedì scorso.
8. Sono felice che i ragazzi (dare) già il regalino alla bambina.
9. Bisogna che Marco e Franca (avere) pazienza.
10. Crediamo che tu (potere) studiare di più.
11. Credono che Maria (potere) studiare di più.
12. Credo che voi (potere) studiare di più.
13. Siamo sicuri che Maria (potere) studiare di più.
14. Vedo che il cane (avere) fame ancora.
15. Dubito che voi (prendere) la decisione giusta.
16. Sembra che il nonno (venire) domani.
17. So che il nonno (venire) domani.
18 & 19. È probabile che (nevicare) e (piovere) .
20. Spero che tu (divertirsi) alla partita.

AGOSTO


domenica 17 agosto 2014

giovedì 14 agosto 2014

FERRAGOSTO

Il nome laico è Ferragosto, la festività è in realtà religiosa: l’Assunzione della Vergine Maria. L’abitudine è quella della gita fuori porta per la giornata del 15 agosto.

Ferragosto
Il termine viene dal latino. Se il mese di agosto prende il nome dall’imperatore Augusto, lo stesso vale per la festività di questo mese che deriva da feriae Augusti, festività istituita sempre da Augusto nell’8 a.C.

Antica Roma
Augusto aveva istituzionalizzato una festa che già esisteva nei secoli precedenti in questo periodo dell’anno. Erano i Vinalia rustica o i Consualia, appuntamenti legati alla fine dei lavori nelle campagne.

Augustali
Le vacanze di Augusto erano dunque un periodo di riposo dopo l’attività agricola e comprendevano giochi e festeggiamenti con animali, anche da lavoro, e corse di cavalli.

Palio di Siena
Non il 15, ma il 16 agosto a Siena c’è il palio dell’Assunta. Il palio, in latino pallium, è il drappo che andava al vincitore nelle antiche gare romane. Ancora oggi va alla contrada della città il cui cavallo taglia per primo il traguardo in piazza del campo.

Altre feste
Non solo il palio di Siena, c’è quello dell’Argentario con le barche, la giostra del Saracino a Sarteano.

Treni popolari di ferragosto
Nasce da qui la tradizione della gita fuori porta. Durante gli anni del fascismo, nei giorni attorno al 15 agosto c’erano tariffe agevolate per chi viaggiava in treno verso città o località di vacanza.

Assunzione di Maria
La chiesa cattolica festeggia il 15 agosto l’Assunzione della Vergine Maria cioè il passaggio diretto, anima e corpo, della madre di Gesù in paradiso al termine della sua vita terrena. Gli ortodossi celebrano in questa data la dormizione di Maria, come se la Vergine non fosse morta, ma fosse caduta in un sonno profondo prima di essere assunta in cielo. I protestanti non credono nell’assunzione, in quanto non presente nella Bibbia.

tratto e adattato da  http://www.vanityfair.it/

mercoledì 6 agosto 2014

Dal presente al futuro

CONIUGA I VERBI AL FUTURO SEMPLICE.

a. Se Malika arriva la vedo / volentieri.
b. I ragazzi alla festa vogliono / andare senza i genitori.
c. Io sono pieno di lavoro: il mio collega deve / aiutarmi un po’.
d. Tutti aspettano questo concerto, quindi non ci sono / più biglietti disponibili.
e. Se volete / , vediamo / insieme le foto del nostro viaggio in India.
f. Se vai a dormire tardi, poi hai / sonno durante il giorno.
g. Non possiamo / vederci nei prossimi mesi.
h. Domani abbiamo / ospiti a cena.

giovedì 31 luglio 2014

domenica 27 luglio 2014

Nibali ha vinto il Tour de France: Parigi incorona il suo re

 Nibali ha vinto il Tour de France: Parigi incorona il suo re

PARIGI - Ore 19,10 del 27 luglio 2014, il romantico tramonto parigino accoglie un eroe sportivo. Mancano tre km alla fine del Tour de France, in attesa dello sprint finale, poi vinto del tedesco Marcel Kittel, il tempo viene neutralizzato. Significa che per Vincenzo Nibali suona il gong nella storia: è il settimo italiano a vincere il Tour de France. Una vittoria perentoria, una missione meditata da un paio d'anni, forse da una vita, di una portata enorme per il ciclismo e per tutto lo sport italiano. La maglia gialla nella marcia di avvicinamento a Parigi, ma anche negli ultimi metri della passerella finale, viene scortata da tutti i compagni dell'Astana. E stavolta è una scorta dolce, priva dell'agonismo della gara, a volte talmente feroce da appiattire l'umanità. Scarponi e compagni hanno faticato tutti i giorni per tenere il capitano in rampa di lancio, ma quando non ci sono riusciti lui ha fatto da solo, applicando una ricetta straordinariamente difficile nella sua semplicità: ha fatto valere la legge del più forte.

mercoledì 16 luglio 2014

COMPARATIVI

1. leopardo / gatto
ES:
Il leopardo è più pericoloso del gatto.
Il gatto è meno grosso del leopardo.
 

2. Roma / Bologna
3. mio cugino / tuo fratello
4. Stefano / Piergiorgio
5. estate / primavera
6. mare / lago
7. ciliegia / mela


domenica 13 luglio 2014

VERBI RIFLESSIVI...AL PASSATO

Lucia si sveglia alle sette meno un quarto, si alza dopo pochi minuti e va in bagno. Si toglie il pigiama, si lava, si asciuga, si veste, si spazzola i capelli. Poi va in cucina e fa colazione. Prima di uscire si lava i denti, si pettina, si mette un po’ di profumo. Poi si infila le scarpe, si mette la giacca ed esce.

TRASFORMA IL TESTO AL PASSATO. !! ATTENZIONE AI VERBI RIFLESSIVI!!

giovedì 10 luglio 2014

Dal maschile al femminile

1. Mio cugino è un ragazzo intelligente, ma troppo vanitoso.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2. Il gatto di Bruno è piccolo, nero e molto affettuoso.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3. Piero e Giovanni sono i compagni più simpatici e divertenti della classe.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4. Il fratello di Paolo fa il cassiere in banca.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 

5. Il dottor Pezzano è un pediatra molto competente e preparato.


martedì 24 giugno 2014

Langhe, Monferrato e Roero nell'Unesco

Le colline piemontesi del vino entrano nella lista World Heritage. Scelte assieme alle strade degli Incas e alla Via della Seta. Italia a quota 50, sempre leader mondiale. 

Ce l'ha fatta. E senza patemi. L'area italiana candidata, l'unica del 2014, ha ottenuto dopo un esame-lampo l'iscrizione al Patrimonio dell'Umanità Unesco. I paesaggi vitivinicoli delle Langhe, del Roero e del Monferrato, nel Basso Piemonte, sono entrati nella Lista World Heritage. E' il 50mo sito italiano, il che permette al nostro Paese di conservare la leadership nella classifica per nazioni, seppure con la Cina - che ha ridotto le distanze a 3 sole lunghezze, grazie a 2 new entry.

mercoledì 18 giugno 2014

Taralli pugliesi

Guarda il video. Scrivi gli ingredienti dei taralli pugliesi:


VERO o FALSO:
  1. I taralli sono una specialitá siciliana.
  2. Esiste solo una versione dei taralli.
  3. Bisogna impastare gli ingredienti per circa 20 minuti
  4. L'impasto deve riposare tutta la notte
  5. Bisogna cuocere i taralli in acqua bollente.
  6. Bisogna finire la cottura dei taralli in forno.
  7. I taralli vanno mangiati subito, caldi.

MINE VAGANTI

 Mine vaganti è un film del 2010 diretto da Ferzan Özpetek.



Tommaso Cantone risiede a Roma da diverso tempo, dove ha avuto modo di crearsi una sua indipendenza e vive alla luce del sole la propria omosessualità. Dopo parecchio tempo ritorna nella sua terra natale, il Salento, dove viene a confrontarsi con i borghesi genitori e una società bigotta. I Cantone sono una famiglia numerosa e bizzarra, nota a Lecce come proprietari di un grande pastificio industriale. Tommaso dovrà fronteggiare la soffocante madre Stefania, il severo e duro padre Vincenzo deluso dalle scelte di vita del figlio, la sorella Elena che aspira ad una vita migliore rispetto a quella di casalinga, e il fratello maggiore Antonio che il padre vorrebbe venisse affiancato da Tommaso nella gestione del pastificio. Del numeroso clan dei Cantone fanno parte anche l'eccentrica zia Luciana e la nonna, imprigionata nel ricordo di un amore perduto, ma con una sua dolente e comprensiva saggezza.
Tra segreti, liti e colpi di scena, il soggiorno in famiglia di Tommaso si protrarrà più del previsto. Infatti Antonio (che era l'unico in famiglia che sapesse dell'omosessualità del fratello minore Tommaso), rivela alla famiglia la propria omosessualità e viene cacciato di casa dal padre Vincenzo. Toccherà così a Tommaso, rimasto unico "maschio" in famiglia, gestire il pastificio e la nuova linea imprenditoriale; attività che dovrà svolgere insieme ad Alba Brunetti, la figlia del socio del padre.

domenica 1 giugno 2014

Festa della Repubblica Italiana



La Festa della Repubblica Italiana viene celebrata il 2 giugno di ogni anno, a ricordo della nascita della Repubblica.

 Il 2 e il 3 giugno 1946 si tenne, infatti, il referendum istituzionale indetto a suffragio universale con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica, dare al Paese, in seguito alla caduta del fascismo. Dopo 85 anni di regno, con 12.718.641 voti contro 10.718.502 l'Italia diventava repubblica e i monarchi di casa Savoia venivano esiliati.

lunedì 26 maggio 2014

COME È BELLA LA CITTÀ


COME È BELLA LA CITTÀ
Giorgio Gaber

Vieni, vieni in città
che stai a fare in campagna?
Se tu vuoi farti una vita
devi venire in città.

Com'è bella la città
com'è grande la città
com'è viva la città
com'è allegra la città.

Piena di strade e di negozi
e di vetrine piene di luce
con tanta gente che lavora
con tanta gente che produce.

Con le réclames sempre più grandi
coi magazzini le scale mobili
coi grattacieli sempre più alti
e tante macchine sempre di più.

domenica 11 maggio 2014

LA MAFIA UCCIDE SOLO D'ESTATE



Il film racconta l'educazione sentimentale e civile di un bambino, Arturo, che nasce a Palermo lo stesso giorno in cui Vito Ciancimino, mafioso di rango, è stato eletto sindaco. E' una storia d’amore che racconta i tentativi di Arturo di conquistare il cuore della sua amata Flora, una compagna di banco di cui si è invaghito alle elementari che vede come una principessa. Attraverso questa tenera ma divertente storia d'amore, il pubblico verrà coinvolto emotivamente negli eventi più tragici della nostra storia recente. Arturo infatti è un ragazzo come tanti altri dell'Italia degli anni '70 ma, a differenza dei suoi coetanei del nord, è costretto a fare i conti con le infiltrazioni e le azioni criminose della mafia nella sua città. La consapevolezza di Arturo cresce anno dopo anno, ma nessuno lo ascolta. Palermo ha altro a cui pensare.

venerdì 25 aprile 2014

25 aprile: FESTA DELLA LIBERAZIONE


La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, è stata l'insieme dei movimenti politici e militari che in Italia si sono opposti al nazifascismo e combattuto nella guerra di liberazione italiana.
Il periodo storico in cui il movimento è stato attivo, comunemente indicato come "Resistenza", inizia dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 e termina nei primi giorni del maggio 1945. I movimenti che hanno partecipato alla liberazione dal fascismo erano riuniti nel „Comitato di Liberazione Nazionale“(CLN).

La scelta di celebrare la fine di quel periodo con il 25 aprile 1945 fa riferimento alla data dell'appello del CLN per l'insurrezione armata della città di Milano, sede del comando partigiano dell'Alta Italia.


l' armistizio-Waffenstillstand
riunito- vereinigt
fare riferimento- betreffen
l'insurrezione- Aufstand

domenica 13 aprile 2014

LA PASTIERA NAPOLETANA



La pastiera, antichissimo dolce pasquale napoletano, è una torta di pasta frolla ripiena di un impasto formato da ricotta, grano bollito, uova, spezie e canditi. La frolla della pastiera è croccante, mentre il suo ripieno è morbido di un colore giallo oro molto intenso mentre il suo sapore e il profumo varia a seconda degli aromi utilizzati.

L’origine della Pastiera è molto antica e  risale ai culti pagani quando la si preparava per celebrare l’arrivo della primavera; nel tempo è diventata un dolce tipico per la festività della Pasqua; il nome Pastiera deriva forse dall’abitudine di utilizzare al posto del grano cotto la pasta cotta; tutt’oggi ci sono ancora massaie che preparano la pastiera utilizzando paste del tipo spaghetti o capellini.

martedì 4 marzo 2014

"La grande bellezza" vince l'oscar



La grande bellezza vince l'Oscar come miglior film straniero. Era da 15 anni, dal 1999 con La vita è bella di Roberto Benigni, che l'Italia non agguantava la statuetta.
Il regista Paolo Sorrentino, visibilmente emozionato, è salito sul palco insieme al protagonista Servillo e al produttore Giuliano:  "Grazie a Toni e Nicola, grazie agli attori e ai produttori. Grazie alle mie fonti di ispirazione, i Talking Heads, Federico Fellini, Martin Scorsese, Diego Armando Maradona. Mi hanno insegnato tutti come fare un grande spettacolo. Che è la base per il cinema. Grazie a Napoli e a Roma, e alla mia personale grande bellezza, Daniela e i nostri due figli. Sono molto emozionato, questa vittora era tutt'altro che scontata. Gli altri film erano forti, mi sento felice e sollevato", dice il regista. E intanto impazzano i festeggiamenti sui social media, mentre è arrivato anche il messaggio di congratulazioni di Giorgio Napolitano: "Si è giustamente colto nel film di Sorrentino il senso della grande tradizione del cinema italiano e insieme una nuova capacità di rappresentazione creativa della realtà del costume del nostro tempo. E' uno splendido riconoscimento, è una splendida vittoria per l'Italia", recita la nota del Presidente della Repubblica.

martedì 18 febbraio 2014

Ripassiamo il congiuntivo

Completa con il congiuntivo presente o passato (solo quando necessario)

  1. Siamo felici che (voi decidere) di accettare il nostro invito.
  2. Penso di (arrivare) verso le dieci.
  3. Credo che Anna (arrivare) ieri mattina.
  4. Ho paura che mia cugina non (riuscire) a superare l'esame.
  5. Non so se Lucia (fare) i compiti a casa.
  6. Non capisco perché Paola (trasferirsi) a Firenze.
  7. Mi pare che Luisa (arrivare) ieri mattina.
  8. Secondo me Andrea (comprare) una bella macchina.
  9. Mi dispiace che nessuno (avvertirti) della festa.
  10. Riteniamo che nostra figlia (essere) già molto matura.
  11. È probabile che Laura (lasciare) gli occhiali da sole al bar.
  12. Giovanna ha paura di (affrontare) i suoi problemi.
  13. È improbabile che tu (fare) tutto da solo.
  14. Dubito che Marco (essere) l'uomo giusto per te.
  15. Ho paura che Mario (prendere) l'influenza.

lunedì 17 febbraio 2014

venerdì 7 febbraio 2014

ANDARE O VENIRE?


  • 1. Scegli la frase senza errori.

    • Veni a mangiare la pizza con noi?

    • Vieni a mangiare la pizza con noi?

    • Vai a mangiare la pizza con noi?
  • 2. Scegli la frase senza errori.

    • Marta e Vadim andano a casa presto.

    • Marta e Vadim andiamo a casa presto.

    • Marta e Vadim vanno a casa presto.
  • 3. Scegli la frase senza errori.

    • Io vengo da Parigi.

    • Io vado da Parigi.

    • Io veno da Parigi.
  • 4. Scegli la frase senza errori.

    • Tu e Alex andete a scuola a piedi.

    • Tu e Alex andiamo a scuola a piedi.

    • Tu e Alex andate a scuola a piedi.
  • 5. Scegli la frase senza errori.

    • I miei amici vanno al cinema con noi.

    • I miei amici vengono al cinema con noi.

    • I miei amici venono al cinema con noi.
  • 6. Scegli la frase senza errori.

    • Dove vai il Signo Rossi?

    • Dove va il Signor Rossi?

    • Dove viene il Signor Rossi?
  • 7. Scegli la frase senza errori.

    • Oggi vadio in centro in autobus.

    • Oggi ando in centro in autobus.

    • Oggi vado in centro in autobus.
  • 8. Scegli la frase senza errori.

    • Diana, dove vieni?

    • Diana, dove vai?

    • Diana, dove andate?
  • 9. Scegli la frase senza errori.

    • Samir viene in piscina con me.

    • Samir va in piscina con me.

    • Samir vengo in piscina con me.
  • 10. Scegli la frase senza errori.

    • Io e Lyn andiamo al ristorante con voi.

    • Io e Lyn venite al ristorante con voi.

    • Io e Lyn veniamo al ristorante con voi.

venerdì 31 gennaio 2014

I giorni della merla



I cosiddetti giorni della merla sono, secondo la tradizione, gli ultimi tre giorni di gennaio (29, 30 e 31) oppure gli ultimi due giorni di gennaio e il primo di febbraio. Sempre secondo la tradizione sarebbero i tre giorni più freddi dell'anno.

Ci sono molte leggende legate a questo nome.  Una leggenda racconta che  per ripararsi dal gran freddo, una merla e i suoi pulcini, in origine bianchi, si rifugiarono dentro un comignolo, dal quale emersero il 1º febbraio, tutti neri a causa della fuliggine. Da quel giorno tutti i merli furono neri.

Sempre secondo la leggenda, se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà bella; se sono caldi, la primavera arriverà in ritardo.

il comignolo- Schornstein
emergere-auftauchen
la fuliggine-Ruß
(furono- passato remoto di essere)

Hai un momento Dio?



C'ho un po' di traffico nell'anima
Non ho capito che or'e'
C'ho il frigo vuoto
Ma voglio parlare
Percio' paghi te
Che tu sia un angelo o un diavolo
Ho tre domande per te:
Chi prende l'Inter, dove mi porti
E di', soprattutto, perche'?
Perche' ci dovra' essere un motivo, no?
Perche' forse la vita la capisce
Chi e' piu' pratico
Hai un momento dio?
No, perche' sono qua
Insomma ci sarei anch'io
Hai un momento dio?
O te o chi per te
Avete un attimo per me?
Li pago tutti io, i miei debiti
Se rompo pago per tre
Quanto mi costa una risposta da te,
Quant'e'?
Ma tu sei li' per non rispondere
E indossi un gran bel gilet
E non bevi niente o io non ti sento,
Com'e'? Perche'?
Perche' ho qualche cosa in cui credere
Perche non riesco mica
A ricordare bene cos'e'
Hai un momento dio?
No, perche' sono qua
Se vieni sotto offro io
Hai un momento dio?
Lo so che fila c'e',
Ma tu hai un attimo per me?
Nel mio stomaco son sempre solo
Nel tuo stomaco sei sempre solo
Cio' che sento, cio che senti
Non lo sapranno mai
Almeno di' se il viaggio e' unico
E se c'e' il sole di la'
Se stai ridendo, io non mi offendo
Pero', perche'
Perche' nemmeno una risposta
Ai miei perche'
Perche' non mi fai fare
Almeno un giro col tuo bel gilet
Hai un momento dio?
No, perche' sono qua
Insomma ci sarei anch'io
Hai un momento dio?
O te o chi per te
Avete un attimo per me?

lunedì 13 gennaio 2014

Golden Globe 2014, ‘La grande bellezza’ vince come miglior film straniero



Tutto secondo le previsioni, o quasi, alla 71esima cerimonia di premiazione dei Golden Globes, i premi assegnati ogni anno ai migliori di cinema e tv dall’Hollywood Foreign Press Association. E rientrava nei pronostici della vigilia anche il trionfo de La grande bellezza di Paolo Sorrentino, premiato come miglior film straniero, che ha battuto la concorrenza de La vie d’Adele e che adesso sembra avere la strana spianata verso l’Oscar.

Tratto da "Il fatto quotidiano"- 13/01/2014