venerdì 26 dicembre 2014

Buon S. Stefano


Il 26 dicembre si festeggia S.Stefano.
Quali sono le usanze, le tradizioni, legate al giorno di Santo Stefano?

Per chi trascorre lo trascorre a casa, il pranzo di Santo Stefano è, da sempre, rappresentato dagli avanzi del giorno prima.
I cibi rimasti dal cenone della vigilia e dal pranzo del Natale si trasformano in un banchetto a base di affettati, salmone affumicato, funghi sott’olio, patè dai più svariati gusti…
L’alternativa, specie per chi ha cucinato nei giorni precedenti, è di prenotare in un bel ristorantino di cucina tipica regionale trascorrendo una giornata all’insegna del relax.
Chi, invece ha una seconda casa, talvolta e specialmente al Sud, ha l’usanza di fare un'escursion.
Non manca mai, nei giorni di festa e soprattutto a Santo Stefano, la tombolata con l’immancabile panettone a centrotavola.

giovedì 18 dicembre 2014

Il pandoro



Il pandoro è uno dei dolci tipici italiani. E’ nato a Verona. La pasta è soffice e profuma di vaniglia. Anche se la sua nascita risale al 1800, nel 1894 Domenico Melegatti, proprietario dell’omonima azienda, brevetta un dolce a forma a tronco di cono con l’idea di una stella. Il disegno è di un pittore impressionista, Angelo Dall’Oca Bianca.
Viene di solito venduto con lo zucchero a velo che va cosparso sopra al pandoro.

mercoledì 17 dicembre 2014

BIANCO NATALE




Tu,neve, scendi ancor, lenta
per dare gioia ad ogni cuor.
E’ Natale spunta la pace santa;
l’amor che sa conquistar.
Tu, vigile cader, neve
il cielo devi ringraziar.
Alza gli occhi, guarda lassù!
E’ Natale, non si soffre più.
E’ Natale spunta la pace santa;
l’amor che sa conquistar.
Tu, vigile cader, neve
il cielo devi ringraziar.
Alza gli occhi, guarda lassù!
E’ Natale, non si soffre più.





SCENDERE-CADERE- FALLEN
SPUNTARE-AUFGEHEN
CONQUISTARE-EROBERN
VIGILE-AUFMERKSAM
SOFFRIRE- LEIDEN