domenica 8 dicembre 2013

La prima della scala: la Traviata di Verdi


MILANO - Trionfo sconfinato per Violetta-Diana Damrau, e poi nessuno che se ne andava, neppure per correre alla cena su invito del Sindaco e del Sovrintendente. Nessuno se ne andava sia per applaudire che per contestare, Alfredo-Piotr Beczala, e persino Daniele Gatti: e naturalmente il regista russo Tcherniakov, come è ormai tradizione alla Scala per chiunque metta in scena un'opera che non sia fortemente zeffirelliana, cioè vecchissima. La sontuosa serata era iniziata con un minuto di silenzio in memoria di Nelson Mandela e tutti in piedi, immobili; lo aveva chiesto dal podio il Maestro Gatti, creando uno di quei momenti di commossa concordia che non sempre illumina le prime della Scala e ormai molto raramente la nostra vita social-politica. Un solo grido dal loggione, musicalmente patriottico, "Viva Verdi!", con una vaga premessa minacciosa, tipo, se con questa Traviata me lo sciupate, guai a voi!

Repubblica- 8 dicembre 2013

venerdì 29 novembre 2013

Berlusconi non è più senatore, il Senato approva la decadenza



Lultimo atto ha del tragico. La condanna (Urteil) in primo grado a sette anni per prostituzione minorile e conncussione (Erpressung) , nel processo Ruby. La condanna definitiva per frode (Betrug) fiscale a quattro anni nel processo Mediaset. Lo spettro degli arresti domiciliari (Hausarrest) , o dellaffidamento ai servizi sociali, a pulire i cessi. O il carcere, una volta perso lo status di parlamentare. I nodi vengono al pettine *. Dopo ventanni, lultima fuga si infrange contro il muro della legge Severino, votata anche dal Pdl alla fine del 2012, per dare un segnale moralizzatore dopo lo scandalo Fiorito. La legge Severino dice una cosa semplice: chi è condannato in via definitiva per determinati reati decade (ablaufen) dalla carica di parlamentare e non è candidabile per sei anni.
Nessuno è stato contrario alla legge quando è stata approvata e applicata a politici locali condannati anche per reati minori. Appena è toccato a Berlusconi, è diventata improvvisamente “anticostituzionale”, “antieuropea”, “irretroattiva”(nicht rückwirkend).
Per questo, dal 27 novembre 2013 Silvio Berlusconi è fuori da Parlamento e non potrà rientrarci per un bel pezzo. 
Però la fuga (Flucht) è durata vent’anni. Grazie ai suoi soldi, alle sue televisioni, ai suoi giornali, ai suoi giornalisti, ai suoi parlamentari. Ma anche grazie a milioni di italiani che in quella fuga dalla legge, dalle regole, dal fisco si sono pienamente riconosciuti. 
*Es ist nichts so fein gesponnen, es kommt doch ans Licht der Sonnen.

Il fatto quotidianomercoledì 27 novembre


giovedì 21 novembre 2013

giovedì 24 ottobre 2013

I verbi riflessivi con il ragionier Fantozzi.


 

Cosa fa il ragionier Fantozzi?

Si sveglia alle 7:51.
Fa la doccia.
Beve un caffé freddo.
Si fa la barba.
Si lava la faccia e le ascelle.
Si asciuga.
Abbraccia sua figlia.
Fa una grande colazione.
Si pettina mentre mangia.
Si lava i denti in bagno.
Resta in bagno molto tempo.
Si veste da solo con calma.
Cambia le scarpe perché gli stanno strette.
Scende dalla terrazza perché è in ritardo.
Cerca di prendere lautobus al volo.
Riesce a prendere lautobus al volo.
Prende un sacco di botte.
Firma con la sua penna.
Corre perché è in ritardo al lavoro.
I suoi colleghi lo aiutano e così arriva puntuale.

giovedì 15 agosto 2013

Buon Ferragosto!


  • il nome viene dal primo imperatore romano Ottaviano Augusto, che pensò bene di dedicarsi un mese in suo onore e di aggiungerci 2 giorni (prima ne aveva solo 29).
  • Agosto per gli italiani è sinonimo di vacanze, anche se sempre più corte a causa dell’attuale crisi economica.
  • Il frutto per eccellenza è senza dubbio il cocomero, che si mangia al mare, sotto l’ombrellone, oppure in piedi dal cocomeraio naturalmente.
  • Lo spirito vacanziero culmina il 15 agosto, ovvero per Ferragosto, dal latino Feriae Augusti, cioè il riposo dell’imperatore. Il 15 agosto è anche una festività cattolica, che celebra l’assunzione di Maria in cielo. Inutile dire che per Ferragosto le città sono deserte, le spiaggie affollate, quasi tutti i piccoli negozi chiusi.
  • Il fiore del mese è il girasole, le cui distese si trovano in quasi tutte le regioni italiane.
  • Agosto è anche il mese delle messi, cioè della raccolta del grano. Innumerevoli sono ancora oggi le festività che celebrano ad esempio la battitura.
  • Proverbio del mese: “ad agosto moglie mia non ti conosco”. Indubbiamente è un detto che può sembrare strano, visto che arriva a giustificare l’adulterio. L’unica attenuante è forse data dalla canicola estiva e dai vestiti discinti che si indossano al mare.
  • Il 16 agosto si corre a Siena il famoso Palio dell’Assunta, che ogni anno viene seguito in diretta da milioni di telespettatori.
  • Film su questo mese ve ne sono diversi. Qui ricordiamo i due più recenti Ferie d’agosto(1995) di Paolo Virzì e Pranzo di Ferragosto(2008) di Gianni di Gregorio.
  • Infine Agosto è anche il mese delle stelle cadenti nella notte di San Lorenzo: normalmente tra l’8 e il 12 d’agosto il fenomeno è ben visibile e la tradizione vuole che, quando si vede cadere una stella si esprima un desiderio.

sabato 10 agosto 2013

domenica 4 agosto 2013

Venezia


Livello A2

1) Fare un giro in gondola a Venezia è sempre molto costoso?
a) No, si può fare un breve giro in gondola pagando pochi euro.
b) Sì, fare un giro in gondola a Venezia è sempre piuttosto costoso.

2) Quando si verifica il fenomeno dell’acqua alta a Venezia?
a) L’acqua alta si verifica quando piove per molti giorni di seguito.
b) L’acqua alta si verifica quando ci sono alta marea, vento da sud e bassa
pressione.

3) Come ci si può spostare a Venezia quando c’è l’acqua alta?
a) Si possono comprare stivali che vengono venduti proprio davanti alla
stazione dei treni.
b) È possibile noleggiare delle piccole barche per spostarsi tra le vie della
città.

4) È possibile entrare con l’auto a Venezia?
a) Sì, è possibile entrare con l’auto a Venezia e parcheggiarla in un garage.
b) No, a Venezia si può arrivare solo in treno.

5) Di quante isole è composta Venezia?
a) Venezia è composta di due isole, separate tra loro dal Canal Grande.
b) Venezia è composta di molte piccole isole, unite l’una all’altra da più di
mille ponti.

3) Come ci si può spostare a Venezia quando c’è l’acqua alta?
a) Si possono comprare stivali che vengono venduti proprio davanti alla
stazione dei treni.
b) È possibile noleggiare delle piccole barche per spostarsi tra le vie della
città.

4) È possibile entrare con l’auto a Venezia?
a) Sì, è possibile entrare con l’auto a Venezia e parcheggiarla in un garage.
b) No, a Venezia si può arrivare solo in treno.

5) Di quante isole è composta Venezia?
a) Venezia è composta di due isole, separate tra loro dal Canal Grande.
b) Venezia è composta di molte piccole isole, unite l’una all’altra da più di
mille ponti.

6) Gli abitanti di Venezia sono in diminuzione o in crescita?
a) Vivere a Venezia non è facile, per questo il numero dei suoi abitanti è in
continua diminuzione.
b) Venezia è così amata in tutto il mondo che la sua popolazione cresce di
anno in anno.

7) È vero che l’intero territorio del Comune di Venezia si trova sulla laguna?
a) No, sulla laguna si trova solo il centro storico del Comune di Venezia,
mentre un’altra parte si trova sulla terraferma.
b) Sì, altrimenti Venezia non sarebbe unica.

8) A cosa assomiglia la città di Venezia guardandola dall’alto?
a) A un pesce.
b) A una barca.

9) Che cosa hanno di particolare gli indirizzi postali a Venezia?
a) Negli indirizzi non si indica la via, ma il quartiere. Così i numeri delle
case raggiungono le migliaia.
b) Molte vie a Venezia hanno più di un nome.

venerdì 26 luglio 2013

L'Italia...regioni e città

Livello A1/A2

Regioni e città

L’Italia è divisa in venti regioni. La regione più grande è la
Sicilia, la più piccola è la _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _. Ogni regione
ha un capoluogo di regione. Per esempio, il capoluogo di
regione della Liguria è _ _ _ _ _ _ e quello dell’_ _ _ _ _ _ è
Perugia. Naturalmente, lo Stato italiano ha una capitale, che è
_ _ _ _. Oltre a Roma, le città con più abitanti sono Milano e
Torino nel nord e Napoli e Palermo nel sud. Altre città sono
famose in tutto il mondo per la loro bellezza, come Venezia
in Veneto o _ _ _ _ _ _ _ in Toscana.
Le coste italiane sono bagnate da diversi mari, come il Mar
Adriatico, il Mar _ _ _ _ _ _ _ e il Mar Ligure. Oltre alle due
isole più grandi, la Sicilia e la Sardegna, ci sono vari
arcipelaghi e alcune isole più piccole, ma molto conosciute,
come l’isola d’Elba, l’isola d’Ischia o l’isola di _ _ _ _ _
vicino al Golfo di Napoli. Il più lungo fiume italiano è il _ _.
Altri fiumi importanti sono l’Arno, che passa per Firenze, o il
_ _ _ _ _ _, che passa per Roma.


Lösung:
Valle d’Aosta, Genova, Umbria, Roma, Firenze, Tirreno, Capri, Po, Tevere

giovedì 6 giugno 2013

TOCCATA E FUGA

“Toccata e Fuga”: italiano di base per tedeschi

Il Mitte è orgoglioso di ospitare, da oggi, una rubrica di lingua italiana basilare dedicata ai tedeschi. Il progetto porta la firma di Annalisa Colombo, insegnante d’italiano in viaggio tra Jena, Weimar ed Erfurt. “Toccata e fuga”, questo il nome dell’iniziativa, vuole fornire un’infarinatura di italiano ai tanti tedeschi che apprezzano il nostro paese (e vi si recano spesso in vacanza), poiché innamorati della nostra lingua e della nostra cultura.
Le schede, semplici e molto ben fatte, verranno pubblicate settimanalmente e raccolte in un apposito album all’interno della nostra pagina Facebook. Per chi volesse cimentarsi con un livello di italiano più complesso, raccomandiamo invece la sezione Die Dritte der Mitte, a cura di Miriam Franchina. Viel Spaß!
“Toccata e fuga” bietet einen entspannenden und amüsanten Einstieg in die italienische Sprache und Kultur. Der Kurs (an Beginner gerichtet) ist geeignet für alle die Leute die eine Reise nach Italien geplant haben. Redewendungen, Modesätze, Umgangsformen und alles was man benötigt, um in Italien zu kommunizieren oder zum überleben braucht. Man kann lernen, einen Kaffee zu bestellen, die Leute zu begrüßen, oder ein Zimmer zu reservieren…und erhält viele kleine Tips um das echte und wahrhafte Italien zu entdecken. Buon divertimento!

lunedì 18 marzo 2013

BUONA PASQUA



BUONA PASQUA
Renato Carosone

Buona Pasqua a Pasqualino
Buona Pasqua a Nicolino
Buona Pasqua anche a Tonino
Buona Pasqua pure a te! ?

Buona Pasqua agli avvocati
Buona Pasqua ai ragionieri
Buona Pasqua anche agli uscieri
'Chi e'?' 'L'esattore del fisco!'
AAAH! Beh!
Buona Pasqua pure a te!

Buone feste ai granatieri
Buone feste ai bersaglieri
Buone feste anche ai pompieri
'Chi è?' 'Lo caporale de giornata!'
AAAH! Beh!
Buona Pasqua pure a te!

Vedi poi che in fondo in fondo, fa la pace tutto il mondo.
Fai i capricci, fai i pasticci, ma alla fine devi dir:
Buona Pasqua a mia sorella
Buona Pasqua a mio fratello
Buona Pasqua ai miei cugini
'Chi è?' 'Tua suocera!'
Uffah! Beh!
Buona Pasqua pure a te!

Buona Pasqua agli autisti
Buona Pasqua anche ai vespisti
Buona Pasqua ai lambrettisti'
'Chi è?' 'Il vigile urbano!'
AAAH! Beh! Buona Pasqua pure a te!

Vedi poi che in fondo in fondo, fa la pace tutto il mondo.
Fai i capricci, fai i pasticci, ma alla fine devi dir:
Buona Pasqua a casa mia
Buona Pasqua a papà mio
Buona Pasqua a mamma mia
'Chi è?' 'Il Padrone di casa!'
AAAH! Beh! Buona Pasqua pure a te!


Buona Pasqua al Polo Nord
Buona Pasqua al Polo Sud
Buona Pasqua all'Occidente
Buona Pasqua pure a te!
Buona Pasqua al Polo Nord
Buona Pasqua al Polo Sud
Buona Pasqua anche all'Oriente
Buona Pasqua pure a te!
Vedi poi che in fondo in fondo, fa la pace tutto il mondo.
Fai i capricci, fai i pasticci, ma alla fine devi dir:
Buona Pasqua a tutti quanti, industriali e commercianti, Buona Pasqua agli statali .


BUONA PASQUA PURE A ME!

mercoledì 27 febbraio 2013

GIRLFRIEND IN A COMA



Documentario realizzato da Bill Emmot e Annalisa Piras sulla " BUONA ITALIA" e sulla "MALA ITALIA".

venerdì 8 febbraio 2013

CENCI, CHIACCHERE, FRAPPE

Tipico dolce italiano per il carnevale...

INGREDIENTI:
450 grammi di farina
75 grammi di zucchero
3 uova intere
3 cucchiai di olio extravergine
2 cucchiai di acquavite o grappa
1 pizzico di sale
olio per friggere

mercoledì 9 gennaio 2013

CESARE DEVE MORIRE


Kino Mon Ami -Weimar
http://www.monami-weimar.de/2128.html

(auf Italienisch mit deutschen Untertiteln)

Am Ende von Shakespeares Julius Cäsar werden die Darstel-
ler mit stürmischem Applaus belohnt. Das Licht erlischt,
die Akteure verlassen die Bühne, kehren zurück in ihre Zellen:
Es sind Häftlinge, die im Hochsicherheitstrakt der römischen
Strafanstalt Rebibbia einsitzen. Die beiden italienischen Re-
gisseure Paolo und Vittorio Taviani haben ein halb-dokumen-
tarisches Projekt mit Strafgefangenen gedreht und die Ge-
fangenen dazu 6 Monate begleitet.
Im September wurde
der Film als offizieller Kandidat Italiens auf eine Oscar-Nomi-
nierung in der Kategorie Bester fremdsprachiger Film ausge-
wählt. Außerdem erhielt er in Berlin den Goldenen Bären
als Bester Film und den Preis der ökumenischen Jury.