lunedì 19 dicembre 2016

O albero



O albero, o albero, eternamente verde,
La neve cade giu dal ciel, ma tu resisti anche al gel..
O albero, o albero, eternamente verde.
O albero, o albero, che allieti ai bimbi il giorno.
Di mille luci splendi tu; senza parlar ti contempliam,
O albero, o albero ridesti in noi l'amore!
Dai boschi vieni, o albero, nel giorno di Natale..
Intorno a te felici siam, gioia e bonta nel cuore abbiam
Tu sei per noi, o albero, il simbol dell'amore!

lunedì 28 novembre 2016

La mia giornata

Racconta la tua giornata tipo. Rcorda i verbi riflessivi.
Al passat prossimo i verbi riflessivi sono sempre con il verbo ESSERE.

sabato 1 ottobre 2016

VERBI RIFLESSIVI

  1. Vengo con voi. A casa, da solo, (annoiarsi).
  2. Vengo con voi in discoteca, perchè voglio (divertirsi).
  3. Ha preso l'ombrello, perchè ha paura di (bagnarsi).
  4. Sei senza ombrello; se pioverà, (bagnarsi).
  5. Sono tornato a casa tardi ieri sera, e mio padre (arrabbiarsi).
  6. Carico la sveglia, perchè devo presto. (svegliarsi).
  7. Ho molto sonno. Vado subito a letto. Stamattina (alzarsi) molto presto.
  8. Domani partiamo per il mare; dobbiamo (svegliarsi) alle sei.
  9. A letto leggo un po', quando non riesco ad (addormentarsi).
  10. Il nonno dorme sulla poltrona, (addormentarsi) sempre davanti al televisore.
  11. Ieri pomeriggio (incontrarsi, noi) in via Verdi.

mercoledì 24 agosto 2016

Terremtoto in Italia

Terremoto di magnitudo 6.0 devasta il centro Italia: morti. Il sindaco di Amatrice: "Il paese non c'è più". Finora almeno 55 scosse di magnitudo superiore a 3,0, la prima alle 3.36.Interi paesi rasi al suolo. Già recuperati 14 cadaveri.

 

 Un forte terremoto di magnitudo 6,0 ha colpito nella notte l'Italia centrale provocando morti e feriti. L'epicentro è nei pressi di Accumoli, in provincia di Rieti, Lazio, a soli 4 chilometri di profondità, un paese equidistante da Amatrice e Norcia. La prima scossa, violentissima, alle 3.36 del mattino è stata sentita da Rimini a Napoli. E proprio ad Accumoli, dove ci sarebbero sei morti, e nella vicina Amatrice si registrano i danni più gravi. "Il paese non c'è più. C'è gente sotto le macerie": è la prima, drammatica, testimonianza del sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi.

mercoledì 29 giugno 2016

Addio Bud


E' morto a Roma l'attore Carlo Pedersoli, meglio conosciuto come Bud Spencer. Aveva 86 anni.

giovedì 23 giugno 2016

Consigli per l'estate #2: il ponte galleggiante ad Iseo


È un percorso pedonale provvisorio (fino al 3 luglio) e gratuito per un totale di 4,5 chilometri sulle acque del Lago d'Iseo, in provincia di Brescia.
Realizzato con 70.000 metri quadri di tessuto giallo-arancione e un sistema modulare di pontili galleggianti formato da 200.000 cubi in polietilene ad alta densità.
L'idea è di Christo, uno dei progetti artistici di Landart più famosi e conosciuti al mondo.

www.pontegalleggiantelagoiseo.com/
www.gardasee.de/veranstaltung/christo-iseosee

venerdì 10 giugno 2016

Consigli per l'estate #1: le terme di Saturnia


Le terme di Saturnia sono un piccolo paradiso della provincia di Grosseto, nella maremma toscana.
Conosciute anche ai tempi dei romani e degli etruschi, hanno una meravigliosa acqua sulfurea, ad una temperatura di 35°. La zona più bella? Le cascate del Mulino (foto), dove è possibile fare il bagno 24h al giorno, 365 giorni all'anno. Le terme sono gratuite e le loro acque ricche di sali minerali sono un'ottima soluzione contro stress, dolori muscolari e circolazione.

Maggiori info:
http://www.cascate-del-mulino.info/
http://www.termelibere.com/termeliberedisaturnia/
https://it.wikipedia.org/wiki/Terme_di_Saturnia

venerdì 29 aprile 2016

Comizi d'amore-Pier Paolo Pasolini


Andiamo al cinema!

DOVE? Schillerhof, Jena
http://www.schillerhof.org/

QUANDO? Mercoledì 4 maggio. Ci incontriamo alle 19.00, davanti al cinema. Compriamo i biglietti e...beviamo qualcosa insieme. Il film inizia alle 20.00

lunedì 25 aprile 2016

25 aprile: FESTA DELLA LIBERAZIONE


L'anniversario della liberazione d'Italia  è una festa nazionale della Repubblica Italiana che ricorre il 25 aprile di ogni anno.
È un giorno fondamentale per la storia d'Italia perchè simbolo della vittoriosa lotta di resistenza militare e politica delle forze partigiane durante la seconda guerra mondiale a partire dall'8 settembre 1943 contro il governo fascista della Repubblica Sociale Italiana e l'occupazione nazista.

venerdì 8 aprile 2016

AGGETTIVI


  COMPLETA IL TESTO CON LA DECLINAZIONE GIUSTA DEGLI AGGETTIVI:
1. Sandro è apert___ e spiritos___. 2. Gino è riflessiv___ e silenzios___. 3. Lo zio è rozz___ e avar___. 4. Mio cugino è sportiv___ e muscolos___. 5. Il vicino di casa è rumoros___ e maleducat___. 6. Il figlio è studios___ ed educat___. 7. Paolo e Michele sono ser___ e impegnat___. 8. I due fratelli sono tranquill___ e affettuos___. 9. I compagni sono agitat___ ma pront___ ad aiutare. 10. I due ragazzi sono bell___ ma vanitos___! 11. Qui i commessi sono espert___ ma frettolos___. 12. Aldo e Lino sembrano superb___, in realtà sono solo timid___.
 b) Riscrivi le frasi precedenti trasformando al femminile articoli, nomi e aggettivi.

venerdì 25 marzo 2016

Il Venerdì Santo


Cattura di Cristo
o Presa di Cristo nell'orto è un dipinto realizzato dal pittore italiano Caravaggio nel 1602

giovedì 24 marzo 2016

mercoledì 2 marzo 2016

sabato 20 febbraio 2016

"Fuocoammare" vince l'Orso d'Oro a Berlino




Lampedusa a Berlino. "Fuocoammare", l'unico film italiano alla Berlinale, ha emozionato tanto da aggiudicarsi l'Orso d'oro. Gianfranco Rosi ha raccontato, filmando per un intero anno, abitanti e migranti in quell'isola che è il confine simbolico dell'Europa. Il film, in concorso, era particolarmente atteso in un'edizione che si è aperta sotto l'ombra della emergenza profughi, evocata da Meryl Streep - presidente di giuria - e da George Clooney che ha appositamente incontrato la cancelliera Angela Merkel. Il direttore della Berlinale, Dieter Kosslick, lo ha definito "un film potente". 

domenica 14 febbraio 2016

S. Valentino



Il Bacio è un dipinto a olio su tela (112×88 cm) del pittore italiano Francesco Hayez, realizzato nel 1859 e conservato alla Pinacoteca di Brera, Milano.

venerdì 12 febbraio 2016

Addio a Renato Bialetti


E' morto ad Ascona, nel Canton Ticino, Renato Bialetti, considerato il papà della caffettiera Moka. In questo video "l'omino coi baffi" della Bialetti illustra, nel Carosello degli anni Cinquanta e Sessanta, come si riesca a diventare un bravo cuoco. Protagonista dello spot è Raffaele Pisu.

sabato 6 febbraio 2016

Il carnevale di venezia



Alla scoperta delle più famose maschere tradizionali che popolano il Carnevale veneziano: la misteriosa Bàuta, la silenziosa moretta e molte altre maschere tipiche della Commedia dell'Arte di Carlo Goldoni...
La Bàuta o Bautta è la maschera più semplice e diffusa a Venezia.
Mantello nero, maschera e cappello sono gli elementi che la caratterizzano: il mantello nero con l'intento di nascondere gli abiti, il pizzo sotto la base della maschera e il cappello a tricorno per nascondere il volto.
La Bàuta tra le diverse maschere permetteva un anonimato completo. Non si poteva identificare chi si celava sotto il mantello, se uomo o donna, povero o ricco signore.
Era sinonimo della completa libertà d'espressione, ecco perché quando se ne incontrava una tra le calli, si era soliti porgere un ossequioso inchino di rispetto.
 
La Moreta o Moretta, come espresso già nel nome, è la maschera di colore nero usata dalle donne.
Molto particolare perché doveva essere sostenuta tenendo in bocca un bottoncino all'altezza delle labbra. Dagli uomini era apprezzata perché dava alla figura femminile quel fascino misterioso dato dal silenzio.
Il mattacino è una specie di pagliaccio con abito bianco o multicolore, leggero e corto, con in testa un cappello piumato. I mattacini a Venezia erano famosi per il lancio di "ovi profumai" (uova profumate) che lanciavano con le frombole. L'usanza era così frequente che, intorno a questi personaggi, si generò un vero e proprio mercato: a centinaia erano i venditori ambulanti di queste uova odorose che venivano lanciate verso balconi occupati da amici, conoscenti e da fanciulle innamorate.

Ma le maschere hanno trovato la loro consacrazione con il teatro: grazie al lavoro del drammaturgo veneziano Carlo Goldoni alcune delle maschere più popolari della Commedia dell'Arte diventano dei perfetti stereotipi, ottimi per rappresentare la società veneziana. Tra le principali maschere della Commedia dell'arte troviamo Pantalone, anziano mercante ricco e avaro, Arlecchino, il servo imbroglione, Colombina, la servetta e amante di Arlecchino, e Pulcinella, un altro servo, ma di origine napoletana.
Al giorno d'oggi le maschere veneziane sono diventate uno dei simboli della città e del suo magico Carnevale.

venerdì 29 gennaio 2016

Il mistero della Fornarina: chi era la donna che stregò Raffaello?

lunedì 18 gennaio 2016

mercoledì 6 gennaio 2016

Buona Epifania


La Befana vien di notte
con le scarpe tutte rotte
con le toppe alla sottana:
Viva, viva la Befana!